Partiamo da un presupposto : l’ambiente non può essere un qualsiasi argomento politico per il quale si schierano i favorevoli ed i contrari. È di tutti . Stiamo vivendo la peggior crisi climatica dell’era moderna e la principale causa è il nostro stile di vita . Fino a un secolo fa nessuno avrebbe potuto prevedere una simile situazione, perché non era immaginabile che il bisogno di energia sarebbe aumentato in modo esponenziale e che avremmo fatto un overdose di combustibili fossili. Sarebbe stato come parlare di fantascienza. Ma oggi i dati ci sono, si conoscono le cause del problema e le soluzioni per scongiurarlo. Secondo uno studio dell’ONU ci restano circa 12 anni prima che l’aumento della temperatura globale porti a cambiamenti climatici irreversibili con drammatiche conseguenze per la vita sulla Terra (quindi anche la nostra) . Per evitare questo scenario, l’accordo di Parigi del 2015 ha stabilito che dovremmo ridurre le emissioni di CO2 progressivamente entro il 2020 (praticamente domani !) fino ad arrivare a 0 nel 2050 . Il tutto per contenere l’aumento delle temperature entro i 2° C (meglio se 1,5) rispetto all’epoca preindustriale. Queste notizie dovrebbero essere sufficienti per allarmare chiunque, dai governi all’ultimo dei cittadini. Invece, nulla. Ascoltando gli organi di informazione, del clima si parla (qualche volta) dopo le notizie finanziarie, la cronaca nera o gli scandali politici . Un po’ di più quando ci sono giornate particolarmente calde o nei casi di fenomeni atmosferici violenti . Allora si racconta dei danni o delle vittime, poi la spinta si esaurisce in pochi giorni. Ho visto persone “comuni” avere crisi isteriche per l’aumento dello spread , ma sull’inquinamento la preoccupazione non sembra così elevata. D’altronde, “se non se ne parla troppo , vuol dire che non esistono grandi pericoli”. Ma certo ! Così come le aziende alimentari ci parlano dei rischi sulla salute degli additivi che ingeriamo tutti i giorni o i produttori di telefonia ci spiegano gli effetti delle onde a radiofrequenza sul nostro cervello. Mi viene il dubbio che sugli argomenti riguardanti la “macchina dei soldi” si preferisca soprassedere o al limite edulcorare la realtà. È per questo che dovremmo cercare nuove forme di informazione. Anche chi pensa che prima o poi verranno inventate macchine miracolose come mega-aspirapolvere per ripulire l’aria e i mari, o che viaggeremo su auto ed aerei alimentati a succo di limone… beh, questa per molto tempo resterà fantascienza. Difficilmente la causa di un problema può esserne anche la soluzione. Ci troviamo nell’attuale contesto perché siamo andati troppo avanti ed avanzare ulteriormente non risolverà nulla. Probabilmente, dobbiamo fare un passo indietro.

Pubblicato da paol1

@paoloandreuccetti1973

Unisciti alla discussione

2 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: