Caro Babbo Natale,
dopo tanti anni torno a scriverti perché temo che questa sia l’ultima occasione che ho per esprimerti la mia gratitudine … e chissà quanto tempo trascorrerà prima che tu passi di nuovo da queste parti. L’amichetta di mia figlia ha scoperto la “verità” da alcuni ragazzi più grandi ed ha deciso di accettarla. La notizia mi ha portato un po’ di paura e TANTA tristezza. Per fortuna S. non è ancora pronta a rinunciare a te (e nemmeno io !) e in questo Natale pieno di incertezze, TU resti sempre un punto fermo . Da agnostico quale sono, il Natale per me rappresenta la massima espressione del consumismo sfrenato. Dopo averlo atteso in fanciullezza e “sfruttato” in gioventù, sono arrivato a detestarlo da adulto. Negli ultimi (9) anni, però, tutto è cambiato. Non mi importa di quanto ci sia di criticabile in questo periodo, voglio soltanto vivermi lo spirito natalizio. Di sicuro sarai il primo ad essere scocciato per tutto quello che viene detto su di te. Ti hanno fatto indossare la divisa di una multinazionale per bere bevande zuccherate (non troppo salutari alla tua età) e si dice che ormai ti rifornisci di giocattoli nei centri commerciali (e gli elfi che fine hanno fatto ? Sono in cassa integrazione ?). Tutti ti vogliono per pubblicizzare i loro prodotti e vorrebbero assumerti come “uomo immagine”, naturalmente utilizzando contratti a chiamata, a progetto, a tempo determinato o qualsiasi altro modo per poterti pagare soltanto a dicembre. Visto che non si può, ti hanno “clonato” in modo da farti apparire ovunque con tanto di casa e buca per le letterine. I bambini sono in tale confusione che continuano a chiedere: “qual’è quello vero ?”. Oramai non c’è più spazio per la fantasia. Dobbiamo vedere, dobbiamo toccare. Non mi importa neppure delle contraddizioni che ti accompagnano. Si, perché vai in tutto il mondo, ma non proprio TUTTO. Ad uno sguardo superficiale potresti sembrare un po’ razzista ed anche un po’ classista, perché porti regali a tutti i bambini, ma non proprio a TUTTI (e non nelle stesse quantità). Anche il tuo nome (Santa Claus) deriva, appunto, da un santo. Questo escluderebbe una bella fetta di persone. Sono convinto che tu sia il primo a cui non piacciano queste divisioni e queste esclusioni. Non dipendono da te. Di sicuro ami la Natura e non a caso pare che il tuo “vero” abito sia verde. Vivi immerso nei ghiacci (che probabilmente si stanno sciogliendo) e nelle foreste (che probabilmente si stanno riducendo). E’ evidente, considerato dove abiti, che ti piaccia stare isolato, anche se ormai vengono a romperti i coglioni perfino lì, giusto per fare una foto da pubblicare su Instagram (questo è uno dei “piccoli” difetti della globalizzazione). Anche i tuoi spostamenti sono totalmente ecologici. Le renne (perfino quelle volanti) vanno a fieno e non a combustibili fossili. Insomma, mi stai simpatico !
Poi, sono tornato a credere in te perché la vigilia di Natale è l’unica sera dell’anno in cui mia figlia va a letto alle 9 senza fare storie e impone il coprifuoco anche a noi. Credo in te perché ti ho visto, nello scintillio dei suoi occhi quando al mattino si sveglia e corre all’albero. Il pacco è mio, ma il “miracolo” è tutto tuo. Non importa il contenuto , è la magia ciò che aspetta con tanta trepidazione . Meglio di Harry Potter, perché è “reale” ! Non te la prendere se ormai i bambini ti abbandonano presto (come l’amichetta di mia figlia). Non è colpa loro. E’ il mondo che vuole farli crescere in fretta perché inizino a consumare sul serio. E per farlo sfrutta la loro innata curiosità. Se sapessero la verità in anticipo, ci penserebbero bene prima di smettere di credere in te per iniziare a credere alle “favole” dei grandi. Purtroppo, come è accaduto a noi, lo vorranno scoprire da soli e per un genitore, non riuscire ad evitare ai figli alcune nostre delusioni, è la parte più frustrante. Però, come vedi, io sono la prova che il ciclo può ricominciare, anche da grandi. Quindi, quello che ti chiedo è di non arrenderti. Dovesse restare anche un solo bambino in tutto il mondo disposto ad aspettarti, continua a svolgere il tuo lavoro. Non quello di consegnare i giocattoli; a riempire il Pianeta di plastica siamo bravissimi da soli. Quello che devi continuare a fare (e di cui abbiamo più bisogno) è portare un pizzico di magia.

A tutti i bambini di ogni età : BUON NATALE !!! 🎅🎄🎁

Pubblicato da paol1

@paoloandreuccetti1973

Unisciti alla discussione

5 commenti

  1. “Children know such a lot now. Soon they don’t believe in fairies, and every time a child says ‘I don’t believe in fairies’ there is a fairy somewhere that falls down dead.” [Peter Pan]

    Piace a 1 persona

Lascia un commento

Rispondi a paol1 Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: